Informazioni, vacanze, viaggi, turismo, cultura e spettacolo della città di Olbia

Sole, mare, spiagge, alberghi, residence della citta di olbia


Menu sito:
Salta il menu


Le ricette

Sei nella sezione: Gastronomia

Vai al sotto menu

Le ricette olbiesi


Burrida

Ingredienti: gattuccio o razza (si utilizza anche il fegato), cipolla, aglio, alloro, peperoncino, aceto. Preparazione: pulite il pesce (razza o gattuccio), spellatelo, sventratelo e tagliatelo a pezzi. Fatelo bollire (insieme al fegato) in abbondante acqua salata aromatizzata con aglio e alloro. Prendete il fegato lessato, mettetelo in un mortaio e riducetelo in poltiglia. A parte preparare un soffritto facendo rosolare una cipolla, finemente tritata, nell'olio d'oliva. Unite al soffritto l'amalgama di fegato, il peperoncino, qualche foglia di alloro e l'aceto. Fate cuocere per qualche minuto a fuoco basso, lasciando che l'aceto sfumi e la salsa si componga. Nel mentre, tagliate il pesce lessato in piccoli tocchi (consigliamo non più lunghi di 5 cm e non più spessi di 2 cm: così s'insaporiscono meglio). Disponete il pesce lessato in un tegame di terracotta e coprite con la salsa ancora calda. Considerate che i tocchi di pesce devono essere completamente coperti dall'abbondante salsa. Fate insaporire la preparazione al fresco senza rimescolarla per circa 24 ore. Si può servire sia come antipasto sia come secondo piatto.


Spaghetti ai ricci

Ingredienti: per 4 persone 400 grammi di spaghetti 40 ricci di mare olio extra vergine di oliva aglio, peperoncino Prendere i ricci aprirli con delle forbici e asportare con un cucchiaino le uova in esso contenute, preparate un trito di aglio e soffriggetelo in una casseruola con l'olio e il peperoncino facendo dorare l'aglio, nel frattempo preparate una pentola con l'acqua e cuocete gli spaghetti. Appena scolata la pasta, versatela nella casseruola e aggiungete la polpa di riccio mescolando per pochi minuti affinché non si rapprenda troppo.

Spaghetti alla Capra Marina

Ingredienti per 4 persone: 400 grammi di spaghetti 1 capra marina abbastanza grande olio extravergine d'oliva prezzemolo, peperoncino, aglio. Pulite la capra marina accuratamente, rompete il guscio e le zampe aiutandovi con una pinza per crostacei, nel frattempo saltate in padella aglio e peperoncino, unite la polpa e i pezzi della capra marina, dopo qualche minuto aggiungete la passata di pomodoro, proseguite la cottura per 10 minuti, scolate gli spaghetti fateli saltare in padella e spolverare con il prezzemolo prima di servire.

Spaghetti alla Bottarga

Ecco un altro piatto tipico della Sardegna molto facile da preparare, il segreto sta nel dorare al punto giusto l'aglio, insaporendo a dovere l'olio per il condimento. Ingredienti per 4 persone: 500 g. di spaghetti olio extra vergine di oliva 3 spicchi d'aglio 2 peperoncini bottarga di muggine o di tonno a piacimento Bollite l'acqua necessaria per la cottura degli spaghetti, nel frattempo scaldate dell'olio e fate dorare l'aglio insieme al peperoncino, infine levate aglio e peperoncino, scolate la pasta e saltatela insieme all'olio caldo seguita dalla bottarga grattugiata, avrete un piatto prelibato in un batter d'occhio.

Mazza Frissa

Si prepara con la panna liquida di latte di pecora, farina di semola e, a piacimento, miele. In un recipiente di terracotta si versa la panna liquida del latte, la si porta a ebollizione , quindi si versa a pioggia la farina in quantità sufficiente da formare una massa consistente, da rigirarsi con un mestolo di legno. Quando il tutto è ben amalgamato, ci si versa un bicchiere d'acqua leggermente salata e si continua a rimestare. A poco a poco l'impasto si stacca dalle pareti del recipiente, rilasciando un liquido grasso di colore giallo (l'ociu casgiu) ossia una sorta di olio di formaggio, che viene raccolto e conservato in vasi di terracotta e usato al posto del burro e dello strutto, come condimento per la pasta, la minestra e la preparazione di dolci tipici. L'impasto staccatosi dalle pareti viene servito ancora caldo e condito col miele, a mò di dolce.

Cozze Gratinate

Lavate bene le cozze e fatele aprire in una pentola a fuoco vivo, poi disponetele in una pirofila. Accendete il forno a 180 gradi. Preparate un composto formato da pangrattato, formaggio grattugiato, prezzemolo ed aglio tritati, olio d’oliva e qualche cucchiaio del liquido lasciato dalle cozze. Coprite i mezzi gusci delle cozze con il composto e fate cuocere per 10minuti.

Cozze alla marinara

Raschiare le cozze, lavarle e rilavarle diverse volte. Metterle sul fuoco aggiungendo del vino, dell'olio d’oliva extravergine, un po' di prezzemolo tritato, aglio e del pepe a piacere. Una volta che le valve si saranno totalmente aperte, le cozze saranno pronte, aspettare quindi qualche minuto perché questo avvenga. Togliere le cozze dal tegame, passare l'acqua della cottura in una garza per togliere le impurità e la sabbia che é presente molto spesso. Versare infine questo liquido e servire le cozze ben calde in tavola.

Zuppa Gallurese o Zuppa Cuata

E' uno dei piatti tipici della zona della Gallura e anche uno dei più conosciuti e apprezzati dai turisti, gli ingredienti sono molto semplici: ingredienti per 4 persone: 400 g. di pane raffermo 300 g. di formaggio fresco a fette 100 g. di pecorino grattugiato 2 litri di brodo, carne di pecora o agnello prezzemolo tritato, strutto quanto basta per ungere la teglia. Lavorazione: ungere la teglia con lo strutto, disporre il pane a fette non troppo grosse sul fondo della teglia, sopra il pane mettete le fette di formaggio fresco e spolverate con il pecorino, insaporendo con le erbette tritate, alternate ogni due strati fino a riempire la teglia con abbondanti innaffiate di brodo fino ad inzuppare bene tutto il pane, nella parte superiore si mette ancora del formaggio fresco in abbondanza così da creare una bella crosta, infine si mette nel forno per circa quaranta minuti a 180° circa.



Assessorato al Turismo del Comune di Olbia | info@olbiaturismo.it

Torna ai contenuti | Torna al menu